Stampa
News

Credito di Imposta e Formazione 4.0, il supporto alla richiesta contributi

Credito di Imposta e Formazione 4.0, il supporto alla richiesta contributi

Zucchetti Centro Sistemi, grazie al supporto di un Centro di Consulenza specialzzato, può…

Il credito d'imposta formazione 4.0 (detto anche bonus formazione 4.0) erogato dal Ministero dello Sviluppo Economico è un provvedimento che mira a sostenere le imprese nei costi di formazione del personale, in un'ottica di apprendimento delle competenze necessarie a governare Industria 4.0.

Tali misure sono inserite nel Piano Nazionale di Transizione 4.0 e hanno lo scopo di incoraggiare le aziende a formare nuove figure professionali in linea con la Trasformazione Digitale.

Zucchetti Centro Sistemi, grazie al supporto di un Centro di Consulenza specialzzato, può supportare i tuoi progetti di formazione e innovazione.

Chi può accedere?
Non c'è distinzione né di forma giuridica né di settore economico per poter accedere a queste concessioni previste dal Mise. Quindi qualsiasi azienda che voglia permettere al proprio personale di apprendere nuove competenze può richiedere il bonus formazione 4.0.

Le indicazioni del Ministero dello Sviluppo Economico autorizzano anche gli enti non commerciali (che svolgono regolarmente attività commerciale) e le organizzazioni non residenti operanti in Italia ad accedere a tali incentivi formativi per i dipendenti. Senza dubbio, un pacchetto di proposte che mira a formare a livello professionale l'intero settore economico, per non farsi cogliere impreparato alle nuove esigenze dell'Industria 4.0.

I vantaggi del credito d'imposta formazione 4.0
Con il credito d'imposta dedicato all'innovazione tecnologica, il Mise prevede di sostenere le imprese attraverso la compensazione delle imposte a partire dal periodo successivo a quello di attivazione del Bonus. Nello specifico, ecco l'entità delle misure:

  • Micro e piccole imprese: credito d'imposta del 50% delle spese ammesse con limite massimo annuo di € 300.000;
  • Medie imprese: credito d'imposta del 40% delle spese ammesse con limite massimo annuo di € 250.000;
  • Grandi imprese: credito d'imposta del 30% delle spese ammesse con limite massimo annuo di € 250.000.

Quali sono le spese e le attività comprese nel bonus formazione 4.0?
Come evidenziato nell'apposita sezione del sito del Mise relativa al credito d'imposta formazione 4.0, ecco nel dettaglio i principali costi di formazione ammessi al provvedimento:

  • Spese per il personale relative ai formatori per le ore di partecipazione alla formazione;
  • Spese per dipendenti impegnati in attività didattiche con un credito atteso fino al 30% della retribuzione annua complessiva;
  • Costi operativi relativi al progetto formativo: spese di viaggio, materiali e forniture relative al progetto, spese di alloggio per i lavoratori con disabilità;
  • Costi di consulenza relativi a progetti di formazione;
  • Spese indirette: amministrative, leasing, spese generali.

Contestualmente il Ministero dello Sviluppo Economico specifica le attività formative ammissibili al bonus formazione 4.0,:

  • Big data e analisi dei dati;
  • Cloud e fog computing;
  • Sicurezza informatica;
  • Simulazione e sistemi cyber-fisici;
  • Prototipazione rapida;
  • Sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata;
  • Robotica avanzata e collaborativa;
  • Interfaccia uomo macchina;
  • Produzione additiva (o stampa tridimensionale);
  • Internet di cose o macchine;
  • Integrazione digitale dei processi aziendali.

Come accedere al credito d'imposta formazione 4.0?
Sempre seguendo le indicazioni del Ministero degli Affari Esteri italiano, il credito d'imposta maturato per le spese di formazione deve essere iscritto in dichiarazione dei redditi, ovviamente in relazione ai periodi in cui le spese sono state sostenute. Dal periodo d'imposta successivo sarà possibile compensare le spese di formazione, con la consueta presentazione del modulo F24.

Non solo, per accedere al bonus formazione 4.0 è necessario:

  • che i costi sostenuti siano certificati da un revisore legale della società e, nel caso di società non soggette a revisione contabile, da un revisore legale esterno;
  • che sia prodotto un report che illustri le modalità organizzative ei contenuti dell'attività formativa;
  • che sia dimostrata la corretta applicazione del beneficio, attraverso specifica documentazione contabile e amministrativa.

Zucchetti Centro Sistemi, grazie al supporto di un Centro di Consulenza specialzzato, può supportare i tuoi progetti di formazione e innovazione.

zcs company Contatti