News
Comunicati stampa

ZCS, sempre connessi con il territorio

ZCS, sempre connessi con il territorio

In questa fase di ripresa delle attività produttive,si pensa in modo concreto anche…

Nel mezzo della fase 2 (quasi 3) di questa terribile emergenza sanitaria, Zucchetti Centro Sistemi, azienda leader nell’innovazione tecnologica con sede nel Valdarno aretino, da sempre sensibile al mondo dei giovani, è promotrice di un progetto di ristrutturazione digitale a favore di un importante Polo di formazione dei giovani dell’area, l’Istituto Statale di Istruzione Superiore “Valdarno”.

Fin dalla fase più critica del lockdown, ZCS ha risposto in modo concreto e sinergico mettendo a disposizione  dei propri clienti e partner competenze e know how per supportarli nell’indispensabile percorso della digitalizzazione.

“Oggi più che mai è importante guardare al futuro, in modo positivo ma consapevole. Dobbiamo rivedere e riformattare tutto: dalle abitudini personali ai processi operativi e gestionali, dall’organizzazione delle persone alle infrastrutture” afferma il Cav. Lav. Fabrizio Bernini Presidente della multi divisionale che si occupa da 35 anni di ICT. “La scuola ed i giovani rappresentano il nostro futuro e non possono rimanere indietro” continua Bernini.

L’ISIS Valdarno e ZCS hanno da anni una proficua collaborazione: dai progetti di PCTO (alternanza scuola-lavoro), alla formazione digitale del corpo docenti, oltre al sostegno di alcuni progetti sviluppati e organizzati dalla scuola in campo della robotica, culminati nell’organizzazione nel 2019 dei campionati nazionali “Robocup junior Academy”.

Se da un lato, quindi, la drammatica emergenza sanitaria ha costretto le aziende e le scuole a rivedere le proprie strategie, dall’altra, ha aperto nuovi interessanti scenari che portano verso lo sviluppo negli studenti di skills fino a pochi mesi fa inimmaginabili.

“In questi mesi abbiamo dovuto affrontare complessità organizzative importanti con l’attivazione della didattica online per 1400 alunni e 250 docenti e la formazione dei docenti dell’intera Regione Toscana attraverso i nostri Future Labs” interviene il Dirigente Scolastico Lorenzo Pierazzi. “I risultati sono decisamente positivi considerata anche l’alta partecipazione alle lezioni da parte delle studentesse e degli studenti” prosegue Pierazzi  “ma nell’ottica di un eventuale impiego della DAD anche alla ripresa del nuovo anno scolastico, dobbiamo provvedere ad una ristrutturazione digitale che riguarda un ammodernamento della strumentazione tecnica, un potenziamento della rete per migliorare la connettività e la sicurezza trasmissione dati. E se poi, come tutti ci auguriamo, in autunno potremo ritornare in classe, lo sviluppo tecnologico supportato dalla ZCS sarà fondamentale per l’ISIS Valdarno come strumento per integrare la didattica in presenza con la migliore tecnologia a disposizione”.

ZCS si è resa disponibile, insieme ad altre aziende del territorio, a sostenere parte di questo progetto di digitalizzazione.

“Il nostro supporto non è tanto un investimento di risorse finanziarie ma di carattere etico e morale” conclude Bernini.  “La crisi pandemica non può mettere in secondo piano l’istruzione e la crescita dei giovani che dobbiamo continuare a sostenere con spirito responsabile e solidale”.

zcs company Contatti